Premi "Invio" per passare al contenuto

Il documento sull’attuazione del PNRR inviato dal MiSE alla PCM in vista della prossima Cabina di regia

Il Sole 24 Ore di oggi riporta che è stata inviata alla Presidenza del Consiglio, come stabilito nella relazione sullo stato di attuazione del PNRR redatta dal sottosegretario Roberto Garofoli, un documento sullo stato di avanzamento dell’insieme di riforme e progetti del PNRR facenti capo al Ministero dello Sviluppo Economico, che sarà il protagonista della prossima cabina di regia. Il MiSE vede assegnati 18,1 miliardi e Giorgetti è il Ministro che, tra i politici, dovrà gestire più fondi del PNRR. In particolare, il MiSE gestirà:

  • 3,1 miliardi di fondi preesistenti per il programma di incentivi Transizione 4.0 che da solo vale oltre il 35% del totale. Il MEF ha redatto una bozza di decreto ministeriale che dovrà istituire il Comitato scientifico previsto dal PNRR per il monitoraggio e la valutazione dei crediti di imposta 4.0.
  • 1 miliardo per le rinnovabili. Sono arrivati tre progetti sul tavolo del MiSE: quello di Stellantis per una fabbrica (“gigafactory”) per le batterie da realizzare a Termoli, uno di Enel per la creazione di una gigafactory per la costruzione di pannelli fotovoltaici innovativi ad alto rendimento e il piano dell’azienda svedese Midsummer per la realizzazione di uno stabilimento industriale per la produzione di pannelli flessibili nell’area di Modugno (Bari). Le risorse pubbliche verranno assegnate tramite decreto ministeriale e specifici contratti di sviluppo, entro il T2 2022.
  • 1,5 miliardi per gli Ipcei (Important projects of common European interest), destinati ai progetti Idrogeno e Microelettronica-2. Sono stati già pubblicati gli avvisi per le manifestazioni di interesse.
  • Una quota complessiva di 550 milioni riguarda accordi finanziari da stipulare con Cassa depositi e prestiti: 250 milioni per la creazione di un “Green transition fund” che investirà in fondi di venture capital, startup e programmi di incubazione e accelerazione che riguardano rinnovabili, mobilità sostenibile, efficienza energetica, smaltimento dei rifiuti, stoccaggio di energia; 300 milioni dovrebbero essere invece assegnati con decreto ministeriale al Fondo nazionale innovazione gestito da Cdp Venture Capital Sgr. Entrambi i dossier vanno completati per la metà del 2022.
  • La riforma della proprietà industriale, contenuta in un disegno di legge inviato ai ministeri competenti per il concerto. Ad inizio 2022 dovranno partire i bandi da 30 milioni per finanziare progetti sulla valorizzazione dei brevetti e per gli Uffici di trasferimento tecnologico.

Il documento deve, ai sensi della relazione del Sottosegretario Garofoli, individuare anche le criticità incontrate dall’Amministrazione nell’attuazione del PNRR. A tal proposito, Il MiSE non nasconde perplessità sul rispetto della quota Sud per gli incentivi Transizione 4.0, visto che al nord la domanda è più alta, così come per gli IPCEI, visto che la parola finale sull’approvazione dei progetti ce l’avrà la Commissione UE