Premi "Invio" per passare al contenuto

La relazione sulla riforma dell’amministrazione fiscale (Traguardo M1C1-101)

Tra i 51 traguardi previsti per il 2021, il numero 101 della M1C1 è relativo alla riforma dell’amministrazione fiscale. Per conseguirlo, il MEF, titolare della misura, doveva adottare una revisione dei possibili interventi per ridurre l’evasione fiscale. A tal proposito, dalla Relazione sullo stato di attuazione del PNRR trasmessa al Parlamento (p.43), si apprende che è stata adottata dal MEF e inviata alla Commissione Europea una relazione “che si sofferma su una valutazione dell’efficacia degli incentivi all’uso dei pagamenti elettronici sperimentati nel corso degli ultimi anni. Essa affronta anche il tema della predisposizione e dell’utilizzo di indicatori di rischio per orientare l’attività di accertamento dell’amministrazione finanziaria”.

Suddetta relazione non è stata ancora pubblicata, ma è stata anticipata nelle pagine del Sole 24 Ore del 6 e del 7 gennaio. In particolare, dalla lettura del quotidiano, si apprende che la relazione verte i seguenti punti: 1) contrasto all’omessa fatturazione, che avviene con un accordo tra gli operatori nella transazione economica; 2) preavviso di accertamento attraverso alcune comunicazioni “cambia-verso”; 3) revisione della lotteria degli scontrini con l’apposizione automatica di un QR code all’emissione dello scontrino, che elimini il codice lotteria, in modo da aumentare sia la partecipazione che le vincite, anche se di importo minore; 4) il cash back è ritenuto uno strumento poco idoneo alla lotta all’evasione; 5) utilizzo di tutte le banche date accessibili; 6) estensione dell’obbligo di fatturazione elettronica anche a quei 1,5 milioni di partite Iva che possono ad oggi aderire al regime forfettario; 7) incrocio dei dati sulle transazioni giornaliere tramite POS con quelli sugli scontrini elettronici per evidenziare anomalie; 8) l’esigenza di rendere permanente la percezione di controllabilità, derivante anche dall’utilizzo di strumenti di pagamento tracciabili per rendere meno vantaggiosa l’evasione.