Premi "Invio" per passare al contenuto

In arrivo le linee guida del Ministero dell’istruzione sugli interventi PNRR per il rafforzamento delle competenze degli studenti delle scuole

Sono in arrivo entro fine mese dal Ministero dell’Istruzione le linee guida sugli investimenti del PNRR in materia di orientamento scolastico, competenze STEM e per contrastare divari territoriali e dispersione scolastica. L’obiettivo è mettere a sistema in tutto il paese azioni e percorsi già attivi in molti istituiti scolastici. In particolare, si tratta di;

Orientamento attivo nella transizione scuola-università – 250 milioni di euro

  • Organizzazione di corsi a beneficio di 1 milione di studenti

30 ore all’anno di orientamento dalla prima media: i) sulla «didattica orientante»; ii) anche contenute nei percorsi di Pcto previsti all’ultimo triennio delle superiori; iii) anche distribuite su 50mila corsi che le università dovranno predisporre per l’orientamento.

  • Piattaforma unica dell’orientamento per tutti i ragazzi d’Italia
  • 97 milioni di euro verranno investiti nelle regioni meridionali e nelle isole.

Nuove competenze e nuovi linguaggi – 1,1 milioni di euro 

  • Promozione, all’interno dei curricula di tutti i cicli scolastici, di attività, metodologie e contenuti volti a sviluppare le competenze STEM, digitali e di innovazione.
  • Azioni per il potenziamento delle competenze multilinguistiche di studenti e insegnanti 

Riduzione dei divari territoriali – 1,5 miliardi di euro 

  • Attività di tutoraggio con tutor esterni o, nei casi più critici, con almeno un’unità di personale supplementare per materia
  • Coinvolgimento di 470.000 giovani a rischio di abbandono scolastico e di 350.000 giovani che hanno già abbandonato la scuola.
  • Più attenzione alle scuole con maggiori difficoltà in termini di performance

Alle linee guida seguiranno i bandi, il primo, sulle materie Stem, è previsto per fine marzo. Poi, a giugno, l’avviso per i divari territoriali ed entro l’anno dovrebbe arrivare anche la piattaforma online per l’orientamento in tandem con il ministero dell’Università