Premi "Invio" per passare al contenuto

Il bando MIMS da 313 milioni per gli interventi sulle reti idriche al Sud a valere su React-EU

È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il bando che mette a disposizione i 313 milioni di euro finanziati dal programma europeo React-EU per ridurre le dispersioni di acqua e migliorare la qualità del servizio erogato ai cittadini nelle regioni Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia. L’avviso pubblico è stato emesso dal Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili, titolare del PON Infrastrutture e Reti, al quale fa riferimento l’intervento. Possono presentare le richieste di finanziamento gli Enti di Governo d’Ambito che operano nelle regioni sopra indicate che abbiano affidato il servizio a soggetti legittimati, che possono essere identificati come soggetti attuatori.

L’intervento deve servire una popolazione maggiore di 100.000 abitanti e coincidere con l’intero ambito o sub-ambito territoriale ottimale (salvo casi specifici con una popolazione servita inferiore a 100.000 abitanti). Inoltre, esso non deve prevedere finanziamenti provenienti da altri fondi comunitari, nazionali e regionali e deve possedere come requisito minimo di maturità progettuale lo studio di fattibilità. L’intervento si rivolge a reti di distribuzione, porzioni di rete o gruppi di reti che risultano particolarmente critici. Il contributo riconoscibile per ogni proposta ammessa a finanziamento è preferibilmente compreso tra 10 milioni e 50 milioni di euro. Esso avviene in forma di sovvenzione diretta. Le spese ammissibili riguardano la realizzazione dei lavori e le forniture, ma anche spese tecniche di progettazione, verifica, validazione, direzione dei lavori, coordinamento della sicurezza in fase di progettazione ed esecuzione, collaudo

Gli interventi devono prevedere necessariamente la conclusione delle attività entro il 31 dicembre 2023. Tale termine deriva dalla natura europea del finanziamento, in quanto il programma React-EU è stato pensato dall’UE ad integrazione del ciclo dei Fondi strutturali 2014-2020, il cui termine ultimo per l’utilizzo è appunto il 31 dicembre 2023.La proposta di finanziamento deve essere trasmessa entro e non oltre il 23 dicembre 2021 all’indirizzo PEC dg.prog-div2@pec.mit.gov.it, compilando in tutte le sue parti il modello dell’Allegato 1 e fornendo la documentazione necessaria alla valutazione, seguendo quanto indicato nell’Allegato 2, nell’Allegato 3 e nell’Allegato 4.

Il bando è disponibile anche sul sito di OReP.