Premi "Invio" per passare al contenuto

Decreto MISE su rinnovabili e batterie (1 milione/EUR – Missione 2, Componente 2, Investimento 5.1)

È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto MISE che disciplina l’attuazione dell’Investimento 5.1 «Rinnovabili e batterie», di cui alla Missione 2, Componente 2 del PNRR, attraverso lo strumento agevolativo dei contratti di sviluppo, di cui al decreto 9 dicembre 2014.

Con uno o più decreti del direttore generale per gli incentivi alle imprese saranno fissate le date di apertura e chiusura degli sportelli agevolativi dedicati alle domande di Contratto di sviluppo. Gli sportelli saranno aperti a: 1) nuove domande di Contratto di sviluppo; 2) previa presentazione di apposita istanza da parte del soggetto proponente, a domande di Contratto di sviluppo già presentate in passatoil cui iter agevolativo risulti sospeso per carenza di risorse finanziarie. Le istanze devono comunque avere oggetto programmi di sviluppo che non risultino avviati antecedentemente alla data del 1° febbraio 2020. La modulistica utile alla presentazione delle domande di Contratto di sviluppo o delle istanze sarà resa disponibile dalla Direzione Generali Incentivi sito del MISE.

All’investimento 5.1 è destinato 1 miliardo di euro, diviso in 400 milioni per il sub-investimento 5.1.1 «Tecnologia PV»; 100 milioni per il sub-investimento 5.1.2 «Industria eolica»; 500 milioni per il sub-investimento 5.1.3 «Settore batterie». Nella relazione sullo stato di avanzamento del PNRR del MISE pubblicata a dicembre 2021, si informa che il Ministero ha avviato un esame di tre proposte progettuali l’attuazione dei tre sub-investimenti. Nel primo caso il soggetto proponente è ENEL ed il programma industriale prevede la costruzione di una Gigafactory a Catania. Nel settore eolico, l’azienda svedese Midsummer ha già formalizzato la domanda di agevolazione per la realizzazione di un progetto industriale e un progetto di ricerca e sviluppo nell’area di Modugno (BA). Infine, nel settore delle batterie, sono in corso interlocuzioni con Stellantis per la riconversione del sito produttivo di Termoli.