Premi "Invio" per passare al contenuto

Parte oggi il nuovo Ufficio del Processo Amministrativo

L’Ufficio del Processo amministrativo inizia da oggi la sua lotta all’arretrato, selezionando i ricorsi più datati, raggruppando quelli su identiche tematiche, predisponendo documenti e schede che siano di aiuto ai magistrati. Le cause più vecchie saranno decise nel corso di udienze straordinarie, che potranno anche aggiungersi a quelle già normalmente previste, a cui i giudici parteciperanno in maniera volontaria e rigorosamente da remoto. L’obiettivo è dare un energico taglio ai 174mila ricorsi pendenti al 31 dicembre 2019 tra Tar e Consiglio di Stato. Il PNRR ha rinvigorito la lotta all’arretrato scommettendo mette sull’ufficio del processo, che dovrà muoversi secondo le linee guida messe a punto dal presidente del Consiglio di Stato, sulla scia di quanto previsto dalle Linee guida pubblicate sulla Gazzetta Ufficiale 183 del 2 agosto e in vigore da oggi. Nuove assunzioni in arrivo per otto uffici attraverso il reclutamento di 326 addetti amministrativi, statistici e informatici da assumere con un contratto di 30 mesi a partire dal prossimo gennaio.