Premi "Invio" per passare al contenuto

Le ultime novità sul Dl concorrenza

Secondo il Cronoprogramma del Pnrr il Dl concorrenza avrebbe dovuto essere approvato entro luglio. I contrasti interni alla maggioranza per la più urgente riforma del processo penale hanno fatto slittare l’approvazione a dopo l’estate. Il tema rimane comunque molto controverso sotto almeno tre aspetti:

  • i monopoli delle società in-house nella gestione del ciclo dei rifiuti: palazzo Chigi vorrebbe sottrarre a queste società il monopolio sull’economia circolare, riscrivendo il decreto liberalizzazioni del 2012 e stabilendo che l’affidamento diretto da parte degli enti locali dei servizi di gestione integrata «non comprenda le attività di recupero e smaltimento disponibili in regime di libero mercato», ma che si debba fare uso di procedure competitive, che non favoriscano le proprie controllate e/o collegate. Il MITE rimane però contrario. Allo studio anche due misure per far scattare la nomina di un commissario straordinario in caso di inadempienze e ritardi nella realizzazione su base locale degli impianti di smaltimento rifiuti e per promuovere incentivi e compensazioni per gli enti locali al fine di favorire l’insediamento di impianti di termovalorizzazione;
  • la liberalizzazione dell’installazione delle colonnine di ricarica per le auto elettriche, attraverso una norma che obbligherà i comuni a bandire gare pubbliche. Inoltre, nel selezionare gli operatori per l’installazione delle colonnine nelle tratte di propria competenza, saranno tenuti a bandire una gara anche i concessionari autostradali;
  • la norma relativa all’abrogazione della misura del Dl semplificazione del 2020 che assegna all’Authority per energia, reti e ambiente (Arera) il compito di regolamentare con tariffe il prezzo dell’energia distribuita attraverso le infrastrutture di ricarica. Il garante per la concorrenza chiede di cancellare riferimenti alle tariffe amministrative, ma sul punto rimane il parere contrario del MITE.

Per maggiori dettagli sulle altre misure del Dl concorrenza si rimanda alla pagina ad essa dedicata sul sito di OReP.