Premi "Invio" per passare al contenuto

Lavori pubblici e Via dei progetti: nuove importanti nomine in arrivo

A breve verranno completate l’istituzione e le nomine di due nuovi importanti strutture per l’attuazione del PNRR. Si tratta di:

  1. Comitato speciale del Consiglio superiore dei lavori pubblici, che interverrà in tutti i passaggi chiave dell’iter approvativo e dovrà proporre soluzioni di mediazione, per esempio qualora vi siano dissensi insuperabili nella conferenza di servizi. Avrà sede presso il Consiglio superiore dei lavori pubblici e sarà guidato dallo stesso presidente. Gli altri 28 membri saranno nominati ex novo e, secondo l’articolo 45 della legge 108 di conversione del Dl77, saranno sei dirigenti di livello dirigenziale, appartenenti uno ciascuno a Palazzo Chigi e ai ministeri delle Infrastrutture, della Transizione ecologica, della Cultura, dell’Interno (saranno nominati dal presidente del Consiglio d’intesa con il ministro rispettivo); tre rappresentanti designati dalla Conferenza unificata (espressione di Regioni, Province e Comuni); tre rappresentanti designati dagli Ordini di ingegneri, architetti e geologi; tredici esperti scelti fra docenti universitari di «chiara e acclarata competenza»; un magistrato amministrativo con qualifica di consigliere, un consigliere della Corte dei conti e un avvocato dello Stato. Al Comitato speciale si affiancherà una struttura di supporto che svolgerà l’attività istruttoria, composta di dodici dipendenti della Pa in comando o distacco o fuori ruolo e diretta da un dirigente di livello generale.
  2. Commissione tecnica per la Via dei progetti Pnrr e Pniec, formata da un massimo di 40 unità, laureati con almeno cinque anni di esperienza professionale e competenze adeguate alla valutazione tecnica, ambientale e paesaggistica. Saranno individuate tra il personale di ruolo delle Pa statali e regionali, del Cnr, dell’Ispra, dell’Enea e dell’Iss. Saranno messi fuori ruolo, in comando o distacco e svolgeranno attività a tempo pieno. Per le istruttorie tecniche c’è l’Ispra.