Premi "Invio" per passare al contenuto

Fisco: entro fine mese disegno di legge delega al Governo per la riforma di accompagnamento al PNRR

Sotto i punti chiave del documento conclusivo dell’indagine conoscitiva sulla riforma da parte delle Commissioni Finanze di Camera e Senato:

  • Adozione di un modello di imposta personale basato sulla «Dit» (Dual income taxation): imposta proporzionale sui redditi finanziari (con aliquota coincidente o prossima alla nuova prima aliquota Irpef) e tassazione progressiva per i redditi da lavoro. Con alcune eccezioni, tra cui, quella dell’imposta fissa sulle partite Iva (forfait).
  • Diverse misure per riequilibrare il prelievo, rendere più equa l’imposta personale e favorire la crescita: a) l’alleggerimento del prelievo per i redditi tra 28 e 55mila euro; b) l’introduzione del reddito minimo esente; c) l’adozione di meccanismi che possano favorire l’ingresso nel mondo del lavoro del secondo percettore di reddito in ambito familiare (mantenendo l’individuo come unità impositiva); d) agevolazione fiscale per i giovani (under 35) che iniziano un’attività lavorativa.
  • Semplificazioni e riduzioni su spese fiscali e agevolazioni varie, ma con un esplicito riferimento a quelle con benefici e beneficiari minimi.
  • Abolizione dell’Irap, che verrebbe di fatto assorbita con un’addizionale Ires/Irpef, che garantirà la parità di gettito ma la cui applicazione determinerà comunque un rimescolamento dei livelli individuali di prelievo. Sull’Iva c’è la proposta di prevedere una delega al Governo per il riordino, in chiave di semplificazione e di possibile riduzione dell’aliquota ordinaria.