Premi "Invio" per passare al contenuto

Concorrenza: la legge annuale in Parlamento entro luglio per una delle riforme abilitanti

La prima delle quattro leggi annuali per la concorrenza (considerata riforma abilitante nel PNRR) deve essere presentata in Parlamento entro luglio. Cosa prevede:

  • Porti: l’eliminazione del divieto sull’autoproduzione dei servizi.
  • Servizi pubblici locali: si ragiona su una norma che imponga all’amministrazione di motivare anticipatamente il mancato ricorso al mercato o l’aumento della partecipazione pubblica. Inoltre, si prevede il rinnovo dei criteri di ripartizione del Fondo nazionale trasporti (Fnt).
  • Colonnine di ricarica (il PNRR prevede la realizzazione di 7.500 punti di ricarica nelle superstrade e di circa 13.750 punti di ricarica nei centri urbani): il provvedimento dovrebbe introdurre criteri trasparenti e non discriminatori per l’assegnazione di spazi agli operatori.
  • Concessioni di gas: l’Authority suggerisce più incentivi agli enti locali, ulteriore semplificazione delle procedure e penalità ai distributori che non forniscono le informazioni necessarie per l’espletamento delle gare.
  • Concessioni idroelettriche il governo vorrebbe imporre alle Regioni di definire i criteri economici alla base della durata dei contratti di concessione e definendo criteri generali e uniformi a livello centrale.
  • Se non sarà contenuta nel DL semplificazione, sarà inserita nella legge annuale anche una norma per l’ulteriore snellimento delle procedure per la banda ultralarga fissa e per il 5G in relazione all’innalzamento dei limiti di elettromagnetismo delle antenne.
  • Le concessioni balneari non saranno trattate, così come le autostrade (inserite nella legge annuale 2023).